sumisura svolge il servizio di accompagnamento nell’ambito del Contratto di Quartiere II per via Parenzo.

 

 

dove

 

L’area d’intervento del Contratto di Quartiere si trova nella periferia nord-est della città, nel territorio di Lucento-Vallette, caratterizzato dalla concentrazione di edilizia residenziale pubblica, che necessita di interventi di riqualificazione e rigenerazione. Oggetto specifico è l’ex quartiere 43°, costruito alla fine degli anni settanta dall’Istituto Autonomo per le Case Popolari, che si compone di tre complessi comprendenti 8 edifici, in cui abitano 325 famiglie.

Si tratta di un contesto che presenta un alto indice di degrado fisico e sociale (indicatori nettamente inferiori alla media cittadina), ma con importanti risorse attive e attivabili ai fini della sua rivitalizzazione.

                                                                    

 

cosa

 

Obiettivo centrale del Contratto di Quartiere è la realizzazione di una nuova qualità dell'abitare, per giungere alla ri-costruzione di uno spazio multiplo e articolato in cui i progetti locali a scala di quartiere si combinano in modo virtuoso con le dimensioni dello scambio e della connessione con il resto della città. La strategia del programma si declina in:

          miglioramento delle condizioni dell’abitare nel quartiere;

          governo e ri-orientamento delle relazioni urbane.

La sua implementazione è volta a costruire le condizioni per una piena e condivisa assunzione di responsabilità di tutti i soggetti coinvolti verso una visione comune della trasformazione.

 

 

come

 

Il servizio di accompagnamento al Contratto di Quartiere si concretizza nel Laboratorio Parenzo, luogo fisico e ambiente progettuale, che ha un ruolo di sostegno integrato alla implementazione della strategia complessiva del programma.

L’attività di assistenza tecnica si realizza attraverso un modello d’intervento che permette di coniugare fra loro attività di front office, territoriali e di prossimità, e attività di back office, prevalentemente in capo alle responsabilità istituzionali degli enti.

L’articolazione del servizio si struttura come risposta alle specifiche criticità territoriali e socio economiche dell’area, e si declina in:

 

aree di investimento, con la funzione di “bussola d’orientamento”:  

       empowerment dei cittadini delle case ex Q43, per promuovere e sostenere protagonismo, partecipazione, cittadinanza attiva;

       empowerment territoriale, per abilitare e supportare la società locale e gli attori istituzionali e sociali a  riconoscere e cogliere le opportunità e le risorse e a valorizzarle per promuovere lo sviluppo del territorio;

 

ambiti di policies, intorno a cui vengono delineati gli assi di intervento e le conseguenti azioni territoriali;

 

assi di intervento:

          accompagnamento sociale: azioni di sviluppo sociale e culturale finalizzate all’empowerment dei cittadini delle case ex Q43°;

          direzione sociale dei lavori: azioni e politiche per l’ambiente costruito

          sviluppo locale: azioni di empowerment territoriale

          comunicazione e informazione;

          monitoraggio e valutazione.